Fiorentina, ma il regista chi è? Le soluzioni di Pioli a centrocampo.

Come sarà il nuovo centrocampo della Fiorentina. Quale soluzioni per mister Pioli dopo l’addio di Milan Badelj. Ecco le carte in mano all’allenatore viola.

La Fiorentina della passata stagione aveva un assetto granito a centrocampo. Milan Badelj metronomo del gioco, con Benassi e soprattutto Veretout cuore e polmoni con licenza di segnare. La partenza del croato costringerà Pioli ad adattarsi alle caratteristiche dei nuovi arrivati. A cominciare da Christian Norgaard “regista” della mediana, pronto a lavorare sull’interdizione e la ripartenza. L’innesco delle ali viola può dipendere soprattutto da lui. Jordan Veretout è diventato da subito un elemento insostituibile, dinamismo, capacità balistiche, fisicità nella rincorsa dell’avversario. Marco Benassi a completare la mediana, con le sue qualità tecniche da mezzala pura, può ancora crescere nel contributo in fase di spinta.

Infine c’è Gerson, arrivato dalla Roma in prestito secco. Accolto con freddezza dai tifosi viola per la presunta fuga di ripensamento (LEGGI QUI). Finora in ombra per un infortunio che lo ha tenuto indietro nella condizione fisica. Il giocatore con maggiore tecnica in questo poker viola, in grado di tagliare il gioco e con doti tali da poter sostenere anche lo scambio con Chiesa e Pjaca. Di lui gli osservatori dicono grandi cose come bravura calcistica, ma con punti deboli sul lato caratteriale. Bryan Dabo è al momento un’alternativa. Il possente mediano francese si è ben inserito nel gioco della Fiorentina, facendosi trovare pronto con muscoli e corsa.

Nel precampionato Pioli ha mischiato le carte. Adesso che la rosa si va definendo è probabile che già nell’amichevole contro lo Schalke, sabato 11 agosto, il tecnico viola cominci a definire i ruoli lì nel mezzo. E comunque voci di mercato, parlano di osservatori viola attivi alla ricerca di un altro centrocampista.

Condividi