Kalinic destinazione Cina? Sousa, Cannavaro e gli intrecci di calciomercato.

Kalinic e la Cina. Un destino che sta per compiersi? L’esonero di Montella e lo scarso rendimento al Milan potrebbero mettere in discussione l’attaccante a gennaio.

Quando Nikola Kalinic militava in maglia viola lo allenava Paulo Sousa. Era stato l’allenatore portoghese a sconsigliare all’attaccante croato di accettare la faraonica proposta di Fabio Cannavaro, allora allenatore del Tianjin Quanjian. Kalinic ha seguito il consiglio del suo mentore per restare nel calcio europeo e questa estate è stato uno dei protagonisti del calciomercato della Fiorentina. Vincenzo Montella, altro ex viola, lo ha voluto fortemente in rossonero, destinazione molto gradita all’attaccante che si è dichiarato tifoso del Diavolo. Il trasferimento è costato circa 20 milioni di Euro, rateizzati. Ma il tutti vissero felici e contenti non è la fine di questa storia, perché a pochi mesi di distanza lo scenario è completamente cambiato.

Contro Juventus e Torino, Kalinic è stato protagonista in negativo e i tifosi rossoneri non sembrano ancora avere digerito la scelta di un giocatore che non è all’altezza delle aspettative. Ecco quindi che Fabio Cannavaro, adesso tecnico del Guangzhou Evergrande, potrebbe tornare alla carica. Il club cinese avrebbe già avviato i contatti con la dirigenza del Milan. La cifra del cartellino è più del doppio di quanto il club milanese dovrà finire versare alla Fiorentina: meno di 40 milioni di Euro. E Sousa? Dopo la fine del contratto con la Fiorentina è rimasto alla finestra in attesa di chiamate di livello. Infine ha accettato la proposta di allenare il Tianjin Quanjian nella Chinese Super League, panchina lasciata libera proprio di Fabio Cannavaro.

 

Condividi