Lafont, portiere peggiore della Serie A? Parlano due ex viola. Intanto Dragowski…

Alban Lafont è una scommessa importante della Fiorentina 2018/19. Il giovane portiere francese paga l’inesperienza in Serie A. Intanto su Fantagazzetta rimedia la peggior media voto del campionato nelle prime otto giornate. Ma due ex viola, Giovanni Galli e Marco Roccati, lo difendono. Intanto, Dragowski…

In patria lo considerano il Donnarumma di Francia, Alban Lafont classe 1999 è arrivato a Firenze con il marchio del predestinato. Nelle prime otto giornate ha alternato interventi importanti a ingenuità anche decisive. Gli ultimi episodi in Lazio Fiorentina, quando si è reso protagonista di un’uscita alla ‘kamikaze’ su Leiva e poi si è fatto uccellare sul primo palo da Immobile.

Su Fantagazzetta.com, il sito di riferimento dei giocatori di Fantacalcio, Lafont sarebbe bocciato dai numeri: “La media voto del portiere viola, la statistica cioè che non conteggia i gol subiti… è di appena 5,58 la peggiore dell’intera Serie A“. Ma questi sono solo numeri, appunto, che non tengono conto dello scotto della prima stagione, nella quale il giovane portiere si è assunto subito il ruolo estremo difensore titolare.

Concetto ribadito da un grandissimo ex portiere viola, Giovanni Galli, che ha Fiorentina.it si è così espresso: “Nella circostanza dell’uscita su Leiva, se fosse rimasto in porta, sarebbero rimasti 1 contro 1, per cui è stato molto bravo a leggerla… Poi io l’avevo già detto, ha soli 19 anni e deve sbagliare“. Anche Marco Roccati, alla Fiorentina dal 2004 al 2006, intervistato da Firenzeviola.it non ha dubbi: “Devi essere uno bravo e con grande personalità per reggere tutte le pressioni che ricevi… Non può essere messo in discussione per quello che si è visto fino ad ora. Naturalmente bisogna avere pazienza. Non è facile per nessuno ambientarsi in un campionato come quello italiano“.

Difficile pensare ad una staffetta con Bartolomej Dragowski. Il portiere polacco, che ha ricevuto la prima convocazione della Nazionale maggiore della Polonia, si è distinto positivamente nelle occasioni avute. Ma un’alternanza costante rischia di bruciare Lafont e di mettere sotto pressione Dragowski. Avanti tutta, quindi, con la scommessa Lafont!

Condividi