Gli uomini di Prandelli sono chiamati oggi ad uno scontro diretto contro il Benevento, dall’altra il blocco dei lavori del Viola Park. Ecco la situazione e il comunicato ACF Fiorentina.

Non si può dire che in casa ACF Fiorentina si abbia il tempo di annoiarsi. La squadra di Prandelli da non avere un obiettivo stagionale, si è trovata inaspettatamente a quello della salvezza. E oggi pomeriggio, fischio di inizio ore 18, al Vigorito gioca contro il Benevento che ha 26 punti esattamente come la Viola. Da l’altra parte è scoppiata la grana Viola Park con il ricorso di Italia Nostra al Presidente della Repubblica per bloccare i lavori del centro sportivo.

Prima il Benevento, poi il Viola Park

Due situazioni da monitorare secondo le priorità. La priorità assoluta è il campo e quindi la gara contro il Benevento. Mister Inzaghi ha una lunga e importante lista di indisponibili (Letizia, Depaoli, Iago Falque, più lo squalificato Dabo). Mister Prandelli ha recuperato gli uomini del centrocampo titolare, Amrabat e Castrovilli e Ribery in attacco. Fra gli indisponibili Igor, molto in palla nelle ultime prestazioni e l’oggetto misterioso Kokorin.

La gara è fondamentale per uscire al più presto da una situazione di classifica che vede un risicato +4 sul Cagliari quart’ultimo. Con una Fiorentina approdata a lidi sicuri si potrà ragionare sul “centro sportivo più grande d’Europa” che dovrebbe aprire i battenti entro la prima metà del 2022. Salvo ostacoli imprevisti e assurdi.

Come la vicenda Italia Nostra. I fatti sono noti: a inizio settimana l’associazione ha presentato un ricorso di urgenza al Presidente della Repubblica per bloccare i lavori. La motivazione? Eccola: “Si tratta di un’area agricola, fuori dal centro abitato, con un vincolo di tutela del paesaggio: non si può fare un’operazione privata“, ha spiegato il presidente Leonardo Rombai. Ci sarebbe quindi un contrasto fra la legge urbanistica e le varianti per l’opera approvate dal Comune di Bagno a Ripoli.

Al di là della reazione giustamente risentita dei tifosi, che hanno preso di mira i social dell’associazione, anche le istituzioni locali (sindaco Nardella e sindaco Casini) e sportive nazionali (i presidenti di Coni, Lega Serie A e Figc), si sono schierate al fianco di ACF Fiorentina. Che ha ieri così risposto sul sito ufficiale.

ACF Fiorentina comunicato Viola Park 12 marzo

La Fiorentina ha appreso, con profondo rammarico, la notizia del ricorso, con richiesta cautelare sospensiva, da parte di Italia Nostra al Presidente della Repubblica per bloccare i lavori del Viola Park.

Il Club è rimasto incredulo e scioccato anche perché abbiamo intrapreso questo percorso dedicando persone e risorse economiche più di 18 mesi fa.

Sono state seguite tutte le regole e tutte le indicazioni che sono state segnalate a partire da quelle della Soprintendenza.

Come sottolineato anche dal Sindaco Casini, il procedimento per l’approvazione ha richiesto quasi 4 mesi invece che i canonici 60 giorni.  

E adesso, dopo aver ricevuto tutte le autorizzazioni necessarie, dopo aver acquistato i terreni, individuato le aziende locali da coinvolgere, già versato quanto necessario e richiesto dal Comune di Bagno a Ripoli, ora che è stato dato il via a questo progetto così importante in Italia, ora vogliono bloccare tutto […].

La Fiorentina ha molto apprezzato il sostegno, sin qui ricevuto, da gran parte delle Istituzioni dello Sport e del Calcio ma anche quelle politiche, Locali e Nazionali e soprattutto dal Popolo Viola, al nostro fianco anche in questa situazione e che deve sempre e da tutti essere rispettato.

Ovviamente tutto deve sempre avvenire seguendo attentamente le Leggi.

Il Club ha la massima fiducia che gli Enti e gli Organismi preposti dimostreranno la bontà dell’Iter che è stato seguito per la realizzazione del progetto e occorre mantenere la calma. 

I tifosi della Fiorentina sanno perfettamente cosa vuol dire il rispetto e l’educazione e non sarà mai con la violenza o le minacce che si potrà pensare di ottenere qualcosa.

Ora dobbiamo pensare e concentrarsi solo sul campo e sull’importante e delicata partita di domani con il Benevento, avremo tempo e modi di affrontare e spiegare bene anche questa imprevedibile e incredibile situazione.

#errebì72

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui