Fiorentina all’undicesimo posto in classifica. A dicembre cinque incontri per definire l’identità della squadra di Pioli.

La Fiorentina strappa un punto all’Olimpico, contro la Lazio. Il pareggio per 1-1 raggiunto al 92′ su rigore, concesso da Massa dopo il controllo VAR, si inserisce in un quadro generale di grigiore. Due punti negli ultimi quattro incontri, terminati con due sconfitte contro Crotone e Roma e due pareggi contro Spal e Lazio. L’incontro di ieri ha ancora una volta evidenziato limiti al mercato di Pantaleo Corvino. Il ruolo di terzino sinistro cerca ancora un titolare all’altezza, come finora né BiraghiOlivera si sono dimostrati. A centrocampo, quando Badelj è in giornata no, non ci sono giocatori in grado di fare girare la squadra. Simeone svolge il ruolo di attaccante centrale con molto sacrificio, ma pecca di precisione e ha poche occasioni per fare male in area avversaria. Le note positive si chiamano, fino ad adesso, Federico Chiesa sempre più anima dei viola, German Pezzella nonostante l’errore di ieri che ha portato al vantaggio laziale e Jordan Veretout polmone inesauribile in mezzo al campo. Per quanto riguarda Pioli, ha in testa un progetto tecnico, nel quale non trovano spazio i ragazzi della presunta Fiorentina yè-yè immaginata questa estate. Fra i vari Lo Faso, Hagi, Zekhnini probabilmente solo l’ex Palermo ha qualche chance di restare a gennaio.

classifica Fiorentina Serie A quattordicesima giornata girone di andata

La Viola occupa l’undicesimo posto in classifica, ma in soli cinque ci sono ben sette squadre. La Sampdoria sesta, con una partita in meno, è lontana otto punti e con essa il sogno europeo. A dicembre sono in programma cinque partite per definire il 2017 e misurare non solo le ambizioni, ma le potenzialità del progetto tecnico. Si parte il 3/12 al Franchi contro il Sassuolo, poi il 10 dicembre al San Paolo contro il Napoli capolista, quindi di nuovo in casa contro il Genoa il 17/12, a Cagliari il 23/12, si chiude il 30/12 a Firenze contro il Milan.

Errebì72
Articolo precedenteLazio Fiorentina: quote, statistiche e formazioni. Allerta meteo.
Articolo successivoFiorentina pronte le conferme per Astori e Pezzella, ma occhio all’Inter.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui