Finale di Serie A al cardiopalma. Fino all’80’ Empoli salvo e Genoa retrocesso, poi il gol del 2-1 dell’Inter e il pareggio ancorato sullo 0-0 al Franchi fra Fiorentina e Genoa condanna gli azzurri di Andreazzoli alla Serie B e manda l’Inter in Champions League. Al Franchi gara bloccata e priva di emozioni fino al triplice fischio finale…

Fiorentina e Genoa si dividono la posta e guadagnano la salvezza a scapito dell’Empoli sconfitto a San Siro dall’Inter per 2-1. Per i viola le buone notizie finiscono qua. A fine partita si scatena la contestazione, condivisa da tutto lo stadio. Per la prima volta tutti i settori del Franchi si sono uniti contro i ‘colpevoli’ di una stagione fallimentare. Società e dirigenza erano da tempo nel mirino della Curva Fiesole (osteggiata dai settori più moderati del tifo) e anche oggi i cori contro Della Valle non sono mancati. Mentre fra i tifosi spuntavano alcune bandiere a stelle e strisce per i rumors su Commisso.

Anche i giocatori viola, per la prima volta, hanno avuto la loro dose di ‘paga sonora’. Il primo ad avere assaggiato la rabbia dei tifosi è stato Veretout sostituito al 90° e subissato di fischi al momento del cambio per il suo sì al Napoli a diverse settimane dalla fine del campionato. Poi è toccato a tutti gli altri suoi compagni: fischiati a fine gara, irrisi col coro “Fate ridere” ed infine respinti dal cuore del tifo gigliato quando hanno provato a salutare sotto la Curva Fiesole con il gesto del capitano. Per loro poche parole su uno striscione: “Niente da festeggiare vi dovete tutti vergognare“.

fiorentina genoa contestazione tifosi

Mentre contro Della Valle compare lo striscione a firma 1926 che cita una frase della lettera di Diego a La Nazione: “Un minuto dalla fine è arrivato ora torna nel villaggio da dove sei arrivato“.

striscione contro Della Valle Fiorentina Genoa

Firenze ha detto basta. Lo ha fatto in modo composto, sostenendo fino al 90° la sua maglia. E una volta raggiunto il traguardo minimo si è ritrovata unita come da tempo non accadeva. Unita nella contestazione ma anche in un sentimento raro nel calcio: quello della riconoscenza. Verso il vero vincitore della serata: Cesare Prandelli. Il tecnico che ha salvato il Genoa, è uscito fra gli applausi del suo ex pubblico. Lui che ha scritto uno dei pezzi più belli della storia sportiva dei Della Valle a Firenze. Proprio lui il destino ha voluto testimone della fine della loro avventura a Firenze.

Errebì72

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui