Ve lo abbiamo raccontato in diretta a Sassuolo domenica scorsa. Per la prima volta dalla morte del nostro Capitano Davide Astori, i tifosi Fiorentina hanno ripreso a contestare la squadra. I giocatori sotto accusa per le brutte prestazioni e i risultati mediocri.

Si, perché è in dubbio che una vittoria mancante dal lontano 30 settembre, non può passare inosservata dinanzi a chi gira l’Italia, e ha girato l’Europa, a spese proprie. Anche domenica nella bella Reggio Emilia, oltre mille supporters viola hanno seguito la squadra cantando a squarciagola al ritmo del mitico tamburo, tornato compagno fedele degli ultras. Ci vogliono attributi e rispetto per la maglia che si indossa. Questo, in sintesi, il chiaro e diretto messaggio che la curva ha voluto mandare a Chiesa, Simeone e Co.

Domenica alle ore 15, allo Stadio Franchi, arriva una delle squadre più in forma del nostro campionato: l’Empoli dell’ex Beppe Iachini. Con lui la squadra azzurra ha conquistato dieci punti che le hanno permesso di uscire dalla zona rossa della classifica. Sarà particolarmente interessante vedere come la Curva Fiesole accoglierà la squadra già dal riscaldamento. Altrettanto interessante sarà capire come reagiranno i settori moderati, che a inizio stagione hanno contestato i contestatori. Con una spaccatura fra tifosi viola, mai vista in precedenza, la ‘minoranza’ calda e la ‘maggioranza’ pronta a sostenere squadra, ma soprattutto i Della Valle. L’unico risultato ammesso per la Viola contro l’Empoli saranno i tre punti. Con esito diverso la contestazione potrebbe montare ed espandersi. Nel frattempo, su Facebook, c’è già chi invita a non entrare per protestare, non tanto contro la squadra quanto piuttosto contro una proprietà definita fantasma.

Leonardo Andreini

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui