Flashmob tifosi Fiorentina, cori contro Della Valle ma anche per la Fiorentina e per Firenze. Un richiamo all’unità di intenti con toni accesi ma civili.

Stamani Diego Della Valle aveva tuonato contro la massa di tifosi, nascosti dall’anonimato e sobillati dagli avvoltoi che vogliono il male della Fiorentina. Lo aveva fatto tramite le pagine del quotidiano cittadino La Nazione, con toni di rottura totale: “Per quanto mi riguarda non vorrò mai più avere rapporti di nessun genere con quelli che hanno offeso pesantemente me e la mia famiglia“. Parlando della protesta dei tifosi, il patron aveva usato parole come “clima ostile e violento” e “casino assurdo“.

La protesta dei tifosi della Fiorentina che si è limitata a striscioni in città e cori allo stadio, ha mostrato una volta di più di avere toni accesi ma affatto violenti. Anche quando come oggi pomeriggio si è spostata nel cuore della città, in Via de’ Tornabuoni dove hanno sede i negozi delle aziende dei Della Valle. Il salotto buono della città. Del resto tutte le iniziative sono all’insegna del richiamo all’unità nel nome di Firenze e della Fiorentina: “In ogni nostra decisione dobbiamo tenere sempre presente il bene della Fiorentina” (Rigoletto Fantappiè).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui