Storie di ex. Diego Fuser resta nella storia della Fiorentina per il gol segnato contro la Juventus nella memorabile partita che vide il ritorno di Roberto Baggio al Franchi per la prima volta da avversario in maglia bianconera.

Fuser ha vestito molte maglie, sempre con onore: Torino, Milan, Fiorentina, Lazio, Parma, Roma. A livello di club ha vinto praticamente tutto: Campionato italiano, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale (Milan), Coppa Italia (Lazio e Parma), Coppa UEFA (Parma), Supercoppa italiana (Parma e Roma).

Il gol in Fiorentina Juventus

In maglia viola una sola stagione, quella 1990/91, nella quale colleziona 32 presenze ed 8 gol. Il più importante lo mette a segno contro la rivale storica del tifo fiorentino: la Juventus. E non in una domenica qualsiasi ma nella domenica che riporta Roberto Baggio a Firenze in maglia bianconera. La Fiorentina passa in vantaggio proprio grazie ad una punizione a carambola di Fuser, poi il rigore che Baggio rifiuta di tirare, Mareggini che para il penalty a De Agostini e mille altre emozioni che riproponiamo nel video.

Lo scherzo di Borgonovo

Ai tempi nei quali vestiva la maglia viola risale anche l’amicizia con il compianto Stefano Borgonovo. L’attaccante, famoso per i suoi scherzi, fece credere a Fuser che un ricco sceicco arabo fosse interessato al suo cartellino. Imbastì un finto contratto e si accordò con un cliente georgiano del ristorante dove andavano a pranzare i calciatori, un finto emissario dello sceicco. Alla fine Fuser firmò il contratto fasullo e fu schernito dai compagni.

Il dramma familiare

Nel momento di apice della propria carriera, Fuser vive il dramma della malattia degenerativa del proprio figlio Matteo. Il ragazzo verrà a mancare nel 2011 a soli 15 anni. Diego Fuser trova conforto ancora nel calcio, quello a livello dilettantistico che vive insieme al suo amico di lungo corso Gigi Lentini come un divertimento e una terapia. L’unico altro svago la pista-autodromo per macchinine nei pressi di Asti, costruita insieme ad alcuni amici sui resti di un vecchio campo di calcio.

Articolo precedenteSaponara, fuoriclasse o pacco? Pioli ha dodici partite per cercare la verità.
Articolo successivoDi Biagio e il ricambio generazionale: Chiesa, Donnarumma e gli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui