Il Giornale commenta oggi l’episodio di violenza a margine della partita Empoli Fiorentina alla Viareggio Cup. L’eredità di Astori già svanita a 20 giorni dalla morte?

Un articolo che fa riflettere oggi su Il Giornale. Sono passate appena tre settimane dalla morte di Davide Astori. Firenze ha dato una risposta di eccezionale di partecipazione e di civiltà. I compagni dello sfortunato giocatore hanno dato prova di coraggio con due vittorie consecutive. Eppure l’aggressione ai danni di Alessio Gianneschi (leggi qui), due giorni fa alla Viareggio Cup, getta un’ombra. E se è giusto non generalizzare, bisogna parimenti vigilare affinché il “seme di Davide“, come lo ha definito Pioli, non venga imbrattato dall’idiozia.

Vi proponiamo un estratto dell’articolo

Due settimane fa il calcio si è fermato per la morte inaspettata di Davide Astori. Non l’abbiamo fatto solo per partecipare a un rito privo di senso o per sentirci parte una tantum di un insieme umano. L’abbiamo fatto per ricordare chi non c’è più e per cambiare chi resta. Noi. Davide Astori, un ragazzo di 31 anni, nella sua morte senza risposte, lasciava in eredità il suo carattere positivo. I suoi comportamenti esemplari, la sua correttezza, il suo rispetto per gli altri. Passata la commozione, dimenticato il santo, come, più o meno, dice il proverbio…

Attorno al pallone si è assiepata la solita brutta gente, quella che usa le parole come oggetti contundenti e talvolta oggetti contundenti veri e propri. Alla fine del derby Empoli-Fiorentina, torneo di Viareggio, è scoppiata un’accesa discussione tra i giocatori dell’Empoli e un gruppo di tifosi viola. Un ragazzo empolese è stato colpito allo zigomo da una bottiglia, o da un sasso, lanciata “da un tifoso della Fiorentina ancora non identificato“. Nottetempo, a Milano, qualcuno aveva imbrattato il murale che celebrava i 110 anni dell’Inter. Un episodio grave e uno stupido, ma entrambi significativi…

Non esistono commozione, vicinanza, partecipazione se non educano, se non trasmettono qualcosa. Non serve a niente fermarsi, piangere, commuoverci, applaudire, portare i fiori in Chiesa o in Sinagoga, se è solo un atto formale e non ci rende migliori… Non c’è differenza tra imbrattare un murale, insultare qualcuno, tirare una bottiglia, sparare a un tifoso. Perché tutte queste nascono dalla mancanza di rispetto nei confronti degli altri. Finché faremo dei distinguo non cambierà mai nulla. E la prossima volta che accadrà un fatto tragico, faremo un’altra sceneggiata“.

Articolo precedenteFiorentina, giovani promesse: adesso tocca a Dusan Vlahovic.
Articolo successivoFalso in bilancio: archiviata l’accusa per Fiorentina e Juventus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui