Il nodo Chiesa sarà quello che maggiormente condizionerà il calciomercato della Fiorentina. Per l’esterno classe 1997 la società di Commisso deve abbassare la richiesta di 60/70 milioni di euro. La Juventus può permettersi di aspettare e intanto pensa alle contropartite.

Il DS Paratici continua a tenere calda la pista che conduce Federico Chiesa alla Juventus. La trattativa è destinata ad prolungarsi fino alla fine del prossimo calciomercato che inizia ufficialmente oggi, 1° settembre e termina il prossimo 5 ottobre. Il club bianconero, forte del gradimento del giocatore e di mancanza di concorrenza reale, può attendere e nel frattempo sistemare le proprie posizioni in uscita. Come per esempio Douglas Costa, nel mirino del Manchester United e quella di Federico Bernardeschi, ex vivaio viola come Chiesa, che al rifiuta ogni proposta di cessione e che con Pirlo potrebbe trovare una nuova collocazione nello scacchiere tattico bianconero.

Viceversa la società di Rocco Commisso ha meno interesse nell’attendere e la prospettiva di doversi ammorbidire, rispetto alla richiesta iniziale di 60/70 milioni di euro, è sempre più concreta. Anche perché come detto non molte società hanno fatto mosse in avanti per il cartellino di Federico Chiesa, Juventus a parte. I club della Premier League spesso nominati, come Manchester United o Tottenham, sono più suggestioni che altro. Per quanto riguarda il Milan pare più interessato a Milenkovic che al numero 25 viola. Le mosse del club rossonero, dopo rinnovo di Ibrahimovic e il probabile acquisto di Sandro Tonali, restano comunque da monitorare…

La proposta della Juventus alla Fiorentina per Chiesa, stando a quanto si legge da fonti diverse, sarebbe già pronta: prestito biennale con obbligo di riscatto e inserimento di contropartite tecniche. Quali? Fa scalpore il nome di Gonzalo Higuain, ma il Pipita resta un obiettivo difficile per una serie di motivi. Il pezzo forte invece potrebbe essere un altro e risponde al nome di Luca Pellegrini, terzino sinistro classe 1999. Messo a bilancio dalla Juve per 22 milioni di euro nello scambio con Spinazzola, il valore del cartellino si aggira sui 14 milioni di euro. Formatosi nella Roma, acquistato dalla Juventus, ha messo esperienza in Serie A con la maglia del Cagliari. Nella Fiorentina potrebbe risolvere la questione terzino sinistro, attualmente sospesa col nodo Biraghi.

#errebì72

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui