Il Corriere Fiorentino oggi in edicola prova a fare chiarezza su quella che è la posizione di Vincenzo Montella dopo la pesante sconfitta di ieri a Cagliari e le dure parole del presidente Commisso. Il numero 1 viola ieri ha sottolineato come “ancora una volta il primo tempo non sia stato buono“, ma la panchina dell’allenatore campano non sembra traballante.

Con le sue parole nel post partita, Rocco Commisso non ha voluto mettere in discussione Montella. L’esonero del tecnico campano, quindi, non è un’ipotesi realistica. E fin da subito la società toscana ha fermamente spazzato via l’ipotesi di un avvicendamento sulla panchina viola. L’allenatore rimane al suo posto, nonostante il pesantissimo 5 a 2 di Cagliari. E nonostante le 19 reti subite in 12 partite, il peggior passivo degli ultimi 15 anni. E anche nonostante la levata di scudi di chi, già a fine della scorsa stagione, aveva storto il naso alla conferma di Montella come guida tecnica della Fiorentina.

Il club viola ritiene che questa squadra non abbia i mezzi per lottare per l’Europa. Pare certo, però, che tutti quanti, Montella compreso, da qui a fine stagione dovranno dimostrare di meritarsi la fiducia anche per il futuro. Così ha dichiarato Pradè ieri nel post partita a Cagliari. Al DS questa stagione di rifondazione servirà per capire chi potrà continuare a fare parte del progetto e chi no. Adesso sono attese due settimane di sosta e poi domenica 24 novembre la Fiorentina sarà ospite del Verona per dare un segno alla classifica e una boccata di positività all’umore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui