Alla viglia della delicata trasferta di campionato contro il Cagliari delle meraviglie di Maran, il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Montella, ha parlato nella sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi per presentare la sfida. La formazione viola è reduce da 1 sola vittoria nella ultime 4 partite e vuole tornare a conquistare punti importanti per la corsa all’Europa. 

Vincenzo Montella si è detto sorpreso dell’inizio super della squadra sarda: “E’ un po’ la rivelazione del campionato, ha nel centrocampo il suo punto di forza e non deve invidiare niente agli altri. Sarà una bella partita perché i sardi sono in salute, il campo è un po’ più stretto degli altri di Serie A e questo favorirà la pressione. Sarà un test per noi per capire a che punto siamo“.

Montella ha poi commentato gli ottimi momenti di forma di Simeone e Castrovilli:Giovanni è un giocatore importante, lo era anche a Firenze. Ha sofferto il finale di stagione, sinceramente mi aspettavo qualcosa in più sotto l’aspetto di voler cambiare l’umore della città che non era contenta. Siamo orgogliosi di Castrovilli, è stato fatto un grande lavoro su di lui da parte della società. Abbiamo corso dei rischi perché non aveva mai giocato in A, ma è un ragazzo umile che fa tanti sacrifici“.

Il tecnico viola ha poi analizzato in generale le prestazioni della sua squadra: “C’è qualcuno che può fare di più, così come altri hanno dato più di quello che ci aspettavamo in questa fase. Gli avversari hanno a volte qualcosa in più e a volte qualcosa in meno. Col Parma abbiamo fatto un secondo tempo straordinario, non c’è un principio per cui si deve essere superiori sia nel secondo che nel primo tempo. La partita di domani ci dirà già qualcosa, perché impegnativa. Siamo vivi, possiamo giocarcela con tutti e stiamo avendo sempre più una forte identità“.

Un commento poi sull’attacco viola: “Vlahovic ha grandi prospettive ma non è facile mettere sette undicesimi di squadra che non è abituata alla Serie A. Ma Vlahovic sta comunque subentrando tanto, è un patrimonio presente e anche futuro: bisogna dargli tempo per crescere. Domani è possibile che giochi. Pedro è già entrato nel giro dei titolari, sta crescendo di condizione e migliorando”.

Montella ha poi aggiornato i presenti sulle condizioni degli infortunati: Caceres sta bene, sta lavorando sul gruppo. Lirola è recuperato appieno ed è disponibile anche lui“.

Infine il tecnico campano ha raccontato un retroscena su Nainggolan: Lo seguo da tempo, c’è stata questa possibilità e lui era tentato. Ma poi ha deciso di scegliere con il cuore e di andare a Cagliari“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui