Costoso abbastanza e misterioso anche troppo. Due aggettivi per sintetizzare Pedro Guilherme Abreu dos Santos, meglio conosciuto come Pedro. Il centravanti brasiliano classe ’97, arrivato dalla Fluminense per circa 14 milioni di euro, ha fin qui ha collezionato una misera spicciolata di minuti in Serie A. Si tratta infatti di una presenza sola, che alimenta sospetti sulla condizione del giocatore. 

La Fiorentina lo ha preso ‘a prezzo di saldo’ nella prima sessione di calciomercato estivo dell’era Commisso. Eh sì a prezzo di saldo, perché poco più di un anno fa il valore di Pedro si aggirava sui 40 milioni di euro. Il ginocchio non sembrava una preoccupazione e le recensioni degli osservatori erano positive. Poi questa estate la Fiorentina, a dodici mesi dalla rottura del crociato, lo ha pagato circa 11 milioni, più il 20% sulla futura rivendita. L’acquisto più costoso della prima campagna acquisti targata Pradè Barone. Ad oggi il brasiliano è però ancora uno dei giocatori più misteriosi della rosa viola, vista la sua unica presenza in occasione del pareggio per 1-1 contro il Parma.

Perchè Pedro non gioca?

Questa la domanda che i tifosi della Fiorentina e gli addetti ai lavori si fanno. La risposta è nei normali tempi di ambientamento, specie quando si passa dai ritmi del campionato brasiliano a quelli della Serie A. Eppure non sono bastate le rassicurazioni di Montella sullo stato di salute del giocatore a smorzare la voglia di vederlo in campo. Voglia che si è trasformata nel sospetto che, oltre al problema muscolare smaltito a metà settembre, ci sia altro dietro al mancato impiego. A rassicurare tutti i tifosi viola ci ha pensato Michael Simoni, ex capo medico della Fluminense:

Pedro ha recuperato tanto tempo fa dalla rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro e da un punto di vista medico è recuperato al 100%. Se non sta giocando è per una scelta dell’allenatore a meno che non abbia accusato altri infortuni a Firenze. Forse la Fiorentina vuole aumentare la massa muscolare nel suo insieme, ma l’equilibrio dei tessuti c’era già. Credo che il team di preparazione tecnica e fisica abbia deciso di fare un lavoro di adattamento e condizionamento sul giocatore“.

Nessun pericolo, quindi: Pedro è clinicamente guarito da tempo. Il suo scarso minutaggio in Serie A è legato alle differenze esistenti tra il calcio italiano e quello brasiliano. Una decisione presa da Montella e dal suo gruppo di lavoro, d’accordo con lo staff medico, nella quella è stato anche ampiamente ponderato l’aspetto psicologico post infortunio. A questo punto della stagione il gap rispetto ai compagni di squadra si sta riducendo e presto potremo vedere in campo il frutto del lavoro portato avanti negli ultimi due mesi.

Aumenta il minutaggio con il Brasile U23

A Las Palmas l’Argentina U23 ha battuto il Brasile per 1-0 grazie al gol del centrocampista del Boca Juniors, Nicolas Capaldo. Al 65′ il ct brasiliano Jardine ha inserito l’attaccante della Fiorentina, Pedro, al posto di Martinelli. L’attaccante viola non ha cambiato l’inerzia della partita ma il suo ingresso è stato di certo utile per mettere minuti nelle gambe e per riprendere ulteriore confidenza con il pallone in vista delle prossime gare della Fiorentina.

Antonafra

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui