Stefano Pioli accostato nei giorni scorsi prima alla Sampdoria e poi al Genoa, ha ‘vinto’ infine la panchina del Milan. Si attende l’ufficialità, ma i dirigenti rossoneri sono allineati sulla scelta. Dopo che ieri è tramontata definitivamente la pista Spalletti…

L’incontro c’è stato e adesso si attende solo l’ufficialità dell’accordo Pioli Milan. Il tecnico che si era dimesso ad aprile dalla panchina della Fiorentina firmerà un contratto biennale a 1,5 milioni di euro a stagione. L’esonero di Giampaolo, ma anche quello probabile di Di Francesco (Sampdoria) e Andreazzoli (Genoa), avevano aperto il ritorno di Pioli in Serie A. Anche se ieri la suggestione Spalletti era stata molto forte… Ma Boban e Maldini, tramontata giocoforza la pista dell’ex tecnico dell’Inter ancora vincolato al club di Suning, si sono trovati in linea sulla scelta di Pioli. Ecco come La Gazzetta dello Sport spiega una scelta che sembra di continuità con l’approccio dell’ex tecnico Giampaolo. Così la rosea commenta la scelta di Pioli.

Spalletti avrebbe portato in dote un carattere focoso, capace di riaccendere cuori tiepidi… Ha preso Udinese, Roma, Zenit San Pietroburgo e Inter in una posizione e le ha portate tutte più in alto. Nel casting però l’ex interista ha mostrato pretese e dubbi difficili da sciogliere; troppi margini di rischio per un ambiente già malfermo. E così Boban e Maldini, in perfetta sintonia, hanno scelto il buon senso rassicurante e l’affidabilità del Normal One“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui