La Serie A è sempre più vicina alla ripartenza. Giovedì 28 maggio la riunione dei vertici stabilirà la data della ripresa della stagione, che potrebbe essere il 13 giugno. Intanto sono state annunciate le linee guida del protocollo anti Covid 19.

Al Tg Sport di Rai 2, il ministro dello sport Spadafora ha dato più di un segnale positivo. La Serie A, come ogni grande comparto economico del Paese, è pronta a ricominciare. Questo grazie anche al nuovo protocollo con misure anti Covid 19 approvato nelle ultime ore.

Ho convocato per giovedì 28 maggio alle 15 una riunione con Gravina e Dal Pino e le altre componenti di Federazione e Lega. Per quella data avremo i dati a disposizione per poter insieme con il Governo decidere una data certa per la ripartenza… La cosa importante credo sia iniziare il campionato per concluderlo, quindi tutte quelle che possono essere le soluzioni per consentire realisticamente di farlo sono importanti… Il calcio è una grande industria, è giusto che possa ripartire ora che tutto il resto del paese sta ripartendo“. Queste le parole di Spadafora, mentre sul protocollo la novità è il no all’idea del maxi ritiro delle squadre al centro sportivo. Saranno riprese le sedute di allenamenti collettivi, ma io giocatori e lo staff torneranno alle proprie abitazioni.

E in caso di giocatore positivo? Scatterà la quarantena sia per il soggetto contagiato che per i suoi contatti e per il gruppo dei compagni l’isolamento, con relativi controlli medici, si svolgerà nel centro sportivo o in un struttura concordata. Infine, come si legge su La Gazzetta dello Sport, tamponi a tappeto per tutta la Serie A: “tre giorni prima dell’inizio degli allenamenti collettivi, il giorno dell’avvio e una volta ogni quattro giorni; test sierologici il giorno dell’avvio e dopo due settimane“.

#errebì72

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui