Vi siete persi qualche puntata dell’avvincente reality “Serie A… lo sbaraglio”? Ecco un riassunto per i più distratti. Spostata anche Sampdoria Verona prevista per oggi. Il Brescia calcio diffida la Lega e Malagò propone un recupero ‘lampo’.

Ufficiale anche il rinvio di Sampdoria Verona, sesta gara saltata della 26^ giornata di Serie A. Le altre sono state: Juventus Inter, Milan Genoa, Parma Spal, Sassuolo Brescia e Udinese Fiorentina. La partita si sarebbe dovuta giocare stasera al Ferraris di Genova, ma è stata rinviata – per adesso – al 13 maggio, insieme alle altre. Condizionale d’obbligo perché il 4 marzo è prevista una assemblea straordinaria della Lega di Serie A, dove si affronterà la situazione calendario. Intanto la classifica vede alcune squadre con 26 gare disputate, altre con 25, altre ancora con 24.

Intanto i club sono in subbuglio e dopo la polemica Marotta (AD Inter) e Dal Pino (presidente Lega), ecco che anche il Brescia fa sentire la sua voce. Le rondinelle, in piena zona retrocessione avrebbero dovuto affrontare il Sassuolo al Mapei Stadium a porte chiuse. Adesso il club di Cellino chiede recuperi in date più consone rispetto al 13 maggio e si riserva “ogni più opportuna azione risarcitoria nei confronti dei soggetti, individuali e collettivi autori della scelte con la presente censurate“.

Malagò e l’idea ‘recupero straordinario’

Queste le parole di ieri sera del presidente del CONI Giovanni Malagò ai microfoni di Sportmediaset: “Spostare le gare alla prossima settimana? Sembrerebbe, uso il condizionale, che ci sia la possibilità ma non spetta assolutamente al Comitato Olimpico, e lo dico con franchezza perché mi sono confrontato anche con il ministro Spadafora qualche minuto fa, non spetta nemmeno al Governo questo. Spetta alla Lega di capire se nel riposizionare i calendari, in questo caso del campionato, si possa utilizzare magari la finestra della prossima settimana. Io non so se questa soluzione andrà in porto perché ripeto questa soluzione non spetta a noi e lo dovranno valutare tra di loro. A quel punto nessuno potrebbe, oggettivamente, dire che questo pezzo di questa giornata del calendario è rinviata ma sarebbe solo procrastinata di qualche giorno. È chiaro che andrebbero poi riposizionate le semifinali di Coppa Italia“.

Serie A porte chiuse: ci si riprova

Nel frattempo c’è un calendario che corre e un campionato che sarebbe stato anche avvincente e che rischia di tramutarsi in beffa. Sul Corriere dello Sport si fa il punto sul prossimo turno, anche se resta da capire di che turno stiamo parlando, per il quale sono previste 5 gare a porte chiuse. Che a quanto pare – se si svolgeranno – non daranno una cattiva immagine del nostro Bel Paese all’estero, come invece le altre rinviate nella giornata appena trascorsa.

  • Atalanta-Lazio (sabato 7 marzo ore 18);
  • Spal-Cagliari (sabato 7 marzo ore 20.45);
  • Inter-Sassuolo (domenica 8 marzo ore 15);
  • Verona Napoli (domenica 8 marzo ore 15);
  • Bologna-Juventus (domenica 8 marzo ore 18).

Le altre gare valide per la giornata in programma tra sabato 7 marzo e lunedì 9 marzo, si svolgeranno ‘regolarmente’. Il seguito alla prossima puntata, in programma mercoledì 4 marzo p.v.

Articolo precedenteUdinese Fiorentina: Fedriga avrebbe minacciato di non aprire la Dacia Arena
Articolo successivoUdinese Fiorentina e non solo: la classica gestione all’italiana sulla Serie A

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui