Il nuovo stadio di Firenze ha tenuto di nuovo banco, come da 15 anni a questa parte. Il Comune di Firenze proclama di andare per conto suo. Il presidente Commisso non vuole mettere soldi in un progetto che gli dà mano libera.

Che c’è di nuovo nella lunga storia a puntate sulla questione nuovo stadio di Firenze? Qualche elemento che ravviva la fitta trama e che aggiunge un po’ di pepe nel racconto, c’è: la società gigliata e le Istituzioni locali sembrano allo stallo. Per non dire su posizioni opposte. Il sindaco Nardella si dice pronto (sic!) ad un maxi investimento per il restyling del Franchi, mentre il presidente Commisso dopo mesi di tira e molla ha prima deciso di mollare l’ipotesi Mercafir (definita una ‘buffonata’) e adesso anche il restauro parziale o meno dell’opera di Nervi al Campo di Marte.

Rassegna stampa nuovo stadio di Firenze, settimana 1-5 febbraio 2021

4 febbraio, Il Fatto Quotidiano – Stadio Fiorentina, restauro Franchi unica via. Commisso: ‘Non pago’. Giani: ‘Farlo a Campi? Problema viabilità, ma non decidono i privati.

5 febbraio 2021, Lady Radio: sindaco Nardella: “Stanco di aspettare, sistemo il Franchi. Lo faremo trasformandolo in uno degli stadi più belli del mondo. La Fiorentina è libera di fare ciò che vuole. Già a febbraio cominceremo con i lavori“.

1 febbraio 2021, Radio Anch’io lo sport (RadioRai) – Presidente Commisso: “Non metterò più soldi per lo stadio di Firenze. Abbiamo cominciato con Campo di Marte ma, dopo tre mesi, la sovrintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo. Dopo siamo andati in una località vicino l’aeroporto e lì è stata un’altra buffonata: non erano pronti e volevano solo i soldi di Rocco per mandare avanti la zona. Ora siamo al punto di prima […]. Rocco non metterà più soldi in questo stadio“.

#errebì72

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui