Zeffirelli, l’omaggio di Firenze e il progetto ‘sospeso’ con la Fiorentina

Camera ardente nel Salone dei Cinquecento e funerale in Duomo per Franco Zeffirelli. Firenze si prepara all’ultimo omaggio per uno dei suoi figli più illustri. Il regista, appassionato tifoso della Fiorentina, riceverà l’ultimo saluto dai suoi concittadini lunedì 17 e martedì 18 giugno.

Domani, lunedì 17 giugno, dalle ore 11 alle 23, sarà allestita una camera ardente nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio. Mentre le esequie funebri di Franco Zeffirelli avranno luogo martedì 18 giugno, alle ore 11, nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Nel giorno del funerale, è stato proclamato il lutto cittadino.

Firenze si prepara per l’ultimo saluto ad uno dei suoi figli più celebri. Un uomo contraddittorio, animato da vis polemica, come solo i veri fiorentini baciati dal genio sanno essere. Un artista conosciuto in tutto il mondo, dagli Stati Uniti al Giappone, che aveva lavorato con star di Hollywood, cantanti lirici e attori di fama mondiale: da Maria Callas a Liz Taylor, da Placido Domingo a Richard Burton, da Riccardo Bolle a Cher. Solo per citarne alcuni…

La Fondazione Zeffirelli Onlus in Piazza San Firenze

Un fiorentino che con la sua città aveva più volte polemizzato, senza però smettere mai di amarla. Così tanto da lasciarle in eredità la Fondazione Zeffirelli Onlus. L’avevamo visitata meno di due mesi fa: le scenografie e i bozzetti lasciano letteralmente esterrefatti per la cura estetica che Zeffirelli metteva anche nei più piccoli dettagli. Visitare la sua Fondazione è senza dubbio uno dei modi che il maestro avrebbe apprezzato di più per essere ricordato.

Zeffirelli tifoso e il progetto con la Fiorentina

E la Fiorentina? La Fiorentina era la passione nata in età giovanile e mai sopita, per la quale Zeffirelli aveva anche rischiato la vita, come ricordava citando un aneddoto della propria vita. Nel 1969, mentre tornava a Firenze per festeggiare il secondo scudetto della Viola, l’auto sulla quale Zeffirelli viaggiava – la Rolls Royce di Gina Lollobrigida – finì fuori strada. Il regista riportò ferite da trauma cranico multiple. Nemmeno quel terribile episodio fiaccò il legame con la maglia viola. La numero 96 (gli anni del regista) campeggia proprio all’ingresso del museo a lui dedicato.

Con ACF Fiorentina, durante la gestione Della Valle, era in ponte un progetto che avrebbe dovuto raccontare in un docu-film lo Zeffirelli tifoso. Siamo certi che la nuova proprietà di Commisso raccoglierà il testimone e saprà dare nuovo impulso all’idea. Del resto il nome di Zeffirelli – anche e soprattutto negli Stati Uniti – è sinonimo di creatività italiana e di regia di autore.

Errebì72